Forme di Parmigiano Reggiano
Come si fa il Parmigiano Reggiano
19 aprile 2017
Prosciutto di Parma
Dove si fa il Prosciutto di Parma
10 maggio 2017
Mostra tutto

Ma il Parmigiano Reggiano scade?

Parmigiano Reggiano

Ce lo chiedono in molti. Iniziamo subito con il dire che il Parmigiano Reggiano è uno dei formaggi che si può conservare più a lungo.

Leggi anche: Come conservare il Parmigiano Reggiano.

Hai mai fatto caso a quel che c’è scritto sulla confezione sottovuoto di Parmigiano? Esatto, proprio quella frase: da consumarsi preferibilmente entro… Molti credono che questa sia la scadenza. Tuttavia, non è così. Questa formula indica solo il Termine Minimo di Conservazione – è una data apposta da chi confeziona il prodotto. Dopo il giorno stampato sulla confezione, il Parmigiano non perde le caratteristiche organolettiche e nutritive. Insomma, puoi mangiarlo in tutta tranquillità.
Puoi conservare il Parmigiano confezionato sottovuoto per diversi mesi dopo l’acquisto, purché la busta sia sigillata.

E se la confezione è aperta? In questo caso, la conservazione dipende dalla stagionatura del formaggio – e, quindi, dal suo grado di umidità. Per un Parmigiano giovane, non oltre 15 mesi, il Consorzio di Tutela consiglia un periodo non superiore a 15 giorni; per un Parmigiano più invecchiato, dai 24 mesi in poi, la conservazione può arrivare a circa un mese.

In ogni caso, ti suggeriamo di riporre sempre il formaggio in frigorifero, a una temperatura compresa fra 4 e 8°C; meglio ancora se chiudi il Parmigiano in un contenitore di plastica o di vetro – in loro mancanza, avvolgilo in una pellicola trasparente adatta per alimenti.

L’importante è che non si crei muffa o che le condizioni della superficie del formaggio, nel tempo, non si alterino. In caso di muffa, puoi rimuoverla con un coltello: una volta eliminata, puoi tagliare e mangiare il Parmigiano senza timori.