Parmigiano Reggiano
Quali sono le differenze fra Parmigiano Reggiano e Grana Padano
10 ottobre 2015
Punta di Parmigiano Reggiano
Il Parmigiano Reggiano fa ingrassare?
12 ottobre 2015
Mostra tutto

Posso mangiare il Prosciutto di Parma in gravidanza?

Panino con prosciutto crudo

Voglia di prosciutto crudo in gravidanza? La risposta è sì, puoi mangiarlo anche se sei incinta. Il prosciutto crudo è un alimento sicuro anche per le future mamme. A dirlo sono diversi studi clinici, italiani e internazionali, non ultimo quello realizzato da Andrea Strata, professore di Nutrizione Clinica dell’Università degli Studi di Parma. Leggiamo cosa ha scritto:

Non esistono, infatti, assolutamente controindicazioni all’uso del prosciutto crudo durante i mesi della gestazione, in rapporto alla possibile trasmissione di un’infezione da toxoplasma.

Estratto tratto da www.analisicrudoparma.it

Cos’è la toxoplasmosi

La toxoplasma gondii è un protozoo tipico del tratto intestinale dei gatti; cibandosi della carne dei piccoli roditori, i felini si infettano. Attraverso le loro feci, la toxoplasmosi può arrivare all’uomo – tipico il caso di trasmissione del parassita tramite la lettiera del gatto. In pratica, la toxoplasmosi è la classica sindrome da animale da affezione.

In ogni caso, la toxoplasmosi può infettare l’uomo anche in tanti altri modi, per esempio nel caso di consumo di carni fresche o di insaccati poco stagionati.

Quali sono le conseguenze della toxoplasmosi? Nelle donne in stato di gravidanza possono essere molto serie: aborto, parto prematuro, mortalità neonatale.

Perché il Prosciutto di Parma è sicuro anche in gravidanza

Semplice. Le ovocisti del toxoplasma non sopravvivono in caso di refrigerazione, congelamento prolungato o cottura (60°C per 20 minuti o 70°C per 10 minuti). A proteggere il Prosciutto di Parma dal rischio di trasmissione della toxoplasmosi sono la salagione e la stagionatura della coscia suina. Il sale, la disidratazione e la lunga stagionatura del prosciutto crudo, almeno 12 mesi nel caso del Prosciutto di Parma, assicurano la morte dell’agente toxoplasmosico. Anche se l’animale fosse stato infetto, quindi, il prodotto finale è sicuro.

In più, subito dopo la stagionatura, il Prosciutto di Parma è sottoposto ai controlli degli Ispettori dell’Istituto Parma Qualità, per assicurare ai consumatori un prodotto perfetto, la giusta dolcezza e il rispetto del metodo di produzione tradizionale, così come prescritto dal disciplinare del Consorzio del Prosciutto di Parma.

Qualche piccola accortezza, comunque, è sempre consigliata. Se sei incinta, assicurati di acquistare solo il vero Prosciutto di Parma, quello garantito dal marchio DOP e dalla corona a cinque punte. I contrassegni del Consorzio del Prosciutto di Parma assicurano l’originalità e la qualità del prodotto. Per precauzione, evita di consumare salumi “fatti in casa” o quelli privi di sigilli di garanzia. Insomma, fai attenzione alla provenienza del cibo che mangi.

Quali sono i benefici del Prosciutto di Parma

Solo carne suina di animali allevati nel Centro-Nord Italia e sale. Per fare il Prosciutto di Parma non serve nient’altro: niente sostanze chimiche, conservanti né additivi.

La produzione del Prosciutto di Parma non ammette nemmeno l’uso delle tecniche di congelamento e di affumicatura. Insomma, il Prosciutto di Parma DOP è un alimento tutto naturale, adatto per tutti: ha poche calorie e assicura un elevato apporto di sali minerali e di proteine di ottima qualità. In più, il Prosciutto di Parma è un alimento facile da digerire, perfetto per una dieta sana ed equilibrata.

Quindi sì, cara mamma. Anche se la cicogna è in arrivo, un bel panino con il prosciutto crudo nessuno può negartelo.