Corona a cinque punte sul Prosciutto di Parma DOP
Come riconoscere il vero Prosciutto di Parma dalle sue imitazioni
19 ottobre 2016
Zampone e Cotechino
Le differenze fra Zampone e Cotechino
17 novembre 2016
Mostra tutto

Il Parmigiano Reggiano è afrodisiaco?

Parmigiano Reggiano

Mito o realtà? La tradizione popolare vorrebbe che il Parmigiano Reggiano sia un efficace afrodisiaco. Ma davvero questo formaggio può risvegliare il desiderio sessuale?
L’argomento è dibattuto. Iniziamo con il dire che, a quanto ci risulta, non esiste nessun studio, condotto con metodo scientifico, che abbia dimostrato questa teoria.

Perlomeno, non è disponibile alcuna ricerca che provi l’efficacia afrodisiaca del Parmigiano Reggiano per l’uomo.

Diverso è il discorso per i test sugli animali di laboratorio. A questo proposito, citiamo lo studio denominato Influence of Parmigiano Reggiano Diet on Male Sexual Behavior in Rats: Behavioral and Neurochemical Study, pubblicato sul Journal of Pharmacy and Nutrition Sciences nel 2012 da cinque professori del Dipartimento di Scienze Biomediche dell’Università di Modena e Reggio Emilia – in questo video, è disponibile un’intervista al professore modenese Mario Baraldi, uno dei cinque autori della ricerca. Ebbene, secondo le osservazioni condotte durante lo studio, si evince che la somministrazione di Parmigiano Reggiano ha migliorato l’attività sessuale di una serie di ratti di laboratorio nei testi di accoppiamento.

La ricerca sottolinea il fatto che il Parmigiano Reggiano è ricco di aminoacidi liberi. Alcuni di questi aminoacidi sono i precursori di importanti neurotrasmettitori; fra questi aminoacidi, nel Parmigiano è assai presente la tirosina, un precursore della dopamina, il neurotrasmettitore della dipendenza e della ricompensa – bassi livelli di dopamina comportano, fra le tante conseguenze, anche un ridotto desiderio sessuale.

Ma dove si trova la tirosina nel Parmigiano Reggiano? Hai presente quei piccoli granelli che senti quando mangi il Parmigiano, soprattutto quello più stagionato? Ebbene sì, sono i cristalli di tirosina, l’aminoacido presente naturalmente nel latte. Fra l’altro, la presenza dei cristalli bianchi di tirosina, liberati dai processi di scomposizione delle proteine ad opera degli enzimi, è un segno della buona stagionatura del Parmigiano Reggiano.

Insomma, in attesa di una ricerca che metta nero su bianco le proprietà afrodisiache del Parmigiano Reggiano, nel dubbio qualche grammo di formaggio a cena, o dopocena, certo male non fa.