Parmigiano Reggiano Vacche Rosse
Cos’è il Parmigiano Reggiano Vacche Rosse
20 gennaio 2016
Culaccia o Culatello con cotenna
Culatello o Culaccia?
4 febbraio 2016
Mostra tutto

Tutti i benefici del Parmigiano Reggiano

Parmigiano Reggiano

Ormai lo sanno tutti. Il Parmigiano Reggiano è un alimento nutriente. Contiene proteine, vitamine, sali minerali – e non solo. È adatto per la dieta di tutti, adulti e bambini, anziani e donne in gravidanza – spesso, è il solo alimento che non provoca nausea. Più è stagionato e più è digeribile e lo puoi mangiare anche se sei intollerante al lattosio.

Ma quali sono i veri benefici del Parmigiano? Te li raccontiamo, uno per uno, nelle prossime righe.

Rafforza le ossa

Lo sai che 50 grammi di Parmigiano contengono 580 milligrammi di calcio, vale a dire metà circa del fabbisogno quotidiano di calcio di una persona adulta? Per i bambini e per i ragazzi, la razione giornaliera di calcio consigliata dai nutrizionisti sale a 1.200 milligrammi. Insomma, bastano poche scaglie di Parmigiano per aiutare le ossa dei nostri figli a crescere sane e forti.

Ma il Parmigiano è consigliato anche per la dieta di adulti e anziani. Mai sentito parlare dell’osteoporosi? Il calcio è un prezioso alleato per ridurre il rischio di fratture alle ossa. Anche per le donne in gravidanza, un consumo moderato di Parmigiano aiuta a soddisfare il fabbisogno di calcio, folati, vitamine, zinco, potassio, magnesio.

Previene le malattie

Proprio così, il Parmigiano Reggiano aiuta a migliorare l’efficienza del nostro sistema immunitario. È ricco di vitamina B, di ferro e di zinco, tutti elementi che partecipano alla produzione di anticorpi e linfociti. In particolare, si suppone che lo zinco sia responsabile di più di trecento funzioni del nostro organismo. Oltre a contribuire alla produzione delle cellule del sistema immunitario, lo zinco regola il funzionamento della digestione, migliora i livelli di stress e agevola il controllo del diabete.

In particolare, il Beta-Carotene e le vitamine A, B2, B6, B12 assicurano un’ottima azione protettiva e antitossica: contribuiscono alla formazione degli anticorpi e ci difendono dagli inquinanti presenti nell’aria che respiriamo ogni giorno.

Altro beneficio. Più ricerche scientifiche hanno dimostrato che gli enzimi presenti nel Parmigiano stagionato almeno 15-18 mesi assicurano un’azione terapeutica per la cura delle enteriti virali e batteriche, tipiche dei bambini nei primi anni di vita.

Leggi anche: Come scegliere la stagionatura del Parmigiano Reggiano

Ti ricarica di energia

I dietisti consigliano un consumo regolare di Parmigiano a tutti gli sportivi, in particolare a chi pratica attività che richiedono potenza e massa muscolare – lotta, pugilato, sollevamento pesi, per esempio.

Il Parmigiano funziona come un vero e proprio integratore alimentare naturale. Pochi grammi di Parmigiano Reggiano garantiscono un elevato apporto di vitamine e di proteine, del tutto simili a quelle vegetali. Per esempio, lo sai che 100 grammi di Parmigiano assicurano il 40% del nostro fabbisogno giornaliero di vitamina A, il 20% di quello della vitamina B2 e un quantitativo di vitamina B12 superiore alle comuni esigenze fisiologiche?

Aiuta a perdere peso

Il merito sarebbe del Cla (coniugati dell’acido linoleico), un acido grasso essenziale che stimolerebbe la perdita di grasso e il dispendio calorico a riposo – è usato in diversi prodotti dimagranti. In più, il Parmigiano ha un alto indice di sazietà.

Puoi consumare il Parmigiano nella tua dieta dimagrante, soprattutto in abbinamento alle verdure. Per esempio, insieme a carciofi e funghi crudi, il Parmigiano agevola la diuresi e riduce la ritenzione idrica, responsabile di gonfiori e cellulite localizzata.

Quanto posso mangiarne?

Come tutti i formaggi, il Parmigiano è un alimento piuttosto ricco di grassi. Per una dieta corretta, meglio limitarne il consumo a due o tre volte la settimana. Lo puoi grattugiare su un piatto di pasta o nella minestra: ne basta un cucchiaino (5 grammi circa). Oppure, puoi mangiarlo a scaglie, prima o dopo il pasto. In questo caso, 40 grammi di Parmigiano sono più che sufficienti.

Attenzione: le informazioni contenute in questo articolo non intendono e non devono sostituire le indicazioni di alcun medico o professionista della salute. Prima di modificare il tuo regime alimentare, consulta uno specialista qualificato.